Ricetta Zuppa Zucca Medievale

 

 

zuppa-zucca-medievale

Continuo la mia rubrica sulla cucina medievale con la Ricetta Zuppa Zucca Medievale che potrà non essere un piatto scenografico ma è buo-nis-si-ma, corposa, insolita ma senza discostarsi troppo dal gusto moderno.
E visto che me lo chiedete tutti vi anticipo che è perfino leggermente meno dolce delle moderne zuppe di zucca.
A onor del vero è da parecchio che meditavo di sperimentare piatti ispirati al medioevo o a serie come Game of Thrones, ma l’arrivo in casa del libro “A tavola nel Medioevo” mi ha definitivamente convinta.
Ho iniziato con questa ricetta perché adoro la zucca, è mooolto semplice da fare e poi è anche una ricetta light e se contate che quasi tutte le ricette medievali includono strutto e pancetta e capirete che non è cosa da poco.
Il risultato? insospettabilmente delizioso! La ricetta zuppa di zucca medievale è una ricetta vegetariana (facilmente adattabile a vegana), senza glutine, senza carboidrati complessi e senza lattosio. Una manna insomma per chi ha problemi di salute ma in più è goloso come me.

Vi ho incuriositi abbastanza? saltate il break e passiamo alla ricetta.

Ingredienti Zuppa Zucca Medievale (6 persone)

  • 1250g zucca (preferibile zucca lagenaria o “a bottiglia”)
  • 500g latte di mandorle medievale  (non zuccherato)
  • 30g burro (sostituibile con olio molto delicato o nulla)
  • sale qb

Nel Viandier (famosissimo testo di cucina medievale probabilmente risalente alla fine del duecento) questa è la versione “di magro” della ricetta, per questo usa il latte di mandorle e nessuna spezia che “accenderebbe lo spirito”. Come zucche suggerisco la varietà lagenaria perché è l’unica che all’epoca c’era in europa. Se però avete in casa la zucca americana (quella tonda insomma) o altri tipi andranno bene lo stesso.

Il procedimento per preparare la zuppa di zucca medievale è semplicissimo:
Una volta ripulita la zucca da buccia e semi basta tagliarla a tocchetti (3x2cm circa) e buttarli in acqua bollente e salata (non come nelle réclame che la roba cade allegramente in acqua e nessuno finisce al pronto soccorso. Nella realtà adagiatevela con la schiumarola che è meglio)

Dopo 10 minuti di cottura (o meno se notate che inizia a rammollirsi) scolate e strizzate la zucca. Come? per esempio pigiandola nello scolapasta usando il fondo della pentola oppure lasciandola per un po’ fra due taglieri con su la pentola piena d’acqua.
Quando avete tolto l’acqua in eccesso aggiungete alla zucca il latte di mandorle già mescolato (non lo dirò mai abbastanza: fatevelo in casa, non ci vuole nulla!), frullate (ok nel medioevo tritavano la zucca a punta di coltello, voi frullate) e rimettete sul fuoco assieme al burro fino a che non alza il bollore. Appena la zuppa di zucca inizia a tentare di ustionarvi con schizzi roventi togliete dal fuoco, aggiustate il sale e servite caldo.

Potete guarnire il piatto con del pane abbrustolito o gustare la zuppa di zucca così com’è: densa, cremosa e deliziosa.
Personalmente non consiglio l’aggiunta di formaggi o grana. La zuppa di zucca medievale ha un sapore delicato e la mandorla risulta stranamente predominante. Questo vuol dire che il retrogusto dolciastro della zucca è già stemperato da quello amaro delle mandorle e pertanto vi sconsiglio di aggiungere altri sapori.
Anche per questo non consiglio di sostituire il burro (di per sè dolce e delicato) con olio: in fondo 30g di burro su 1.700g di zuppa circa sono davvero un’inezia.

Bene, spero che la Ricetta Zuppa Zucca Medievale vi sia piaciuta, che la sperimentiate in tanti e mi diciate se è vero o no che i nostri antenati non erano mica fessi quando si trattava di mangiar bene. Ovviamente se avete in programma eventi di gioco di ruolo dal vivo o cene a tema con questa ricetta farete un figurone cavandovela a buon mercato (sia con i tempi di preparazione che per i costi!)

Come sempre  per dubbi suggerimenti o condividere le vostre prove e impressioni potete scrivermi nei commenti o sulla pagina fb di Sweet&Geek, vi risponderò al più presto!

 

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.