Panda-Antipasto papavero e parmigiano

Panda-Antipasto papavero e parmigiano - panda-appetizer
Eccomi nuovamente alle prese con il contest 4cooking indetto da parmigiano reggiano questa volta con un antipasto, anzi, un panda-antipasto papavero e parmigiano.
Basterà a portare Sweet&Geek nel ricettario 4COOKING? forse no, ma sperare non è reato e per quanto semplice questa ricetta coniuga un ottimo equilibrio di sapori ad una presentazione sfiziosa.
Inoltre è stata l’occasione per testare finalmente i miei tenerissimi panda-cookie-cutter ordinati con tanto amore per natale e rimasti a dormire in una scatola fino ad oggi.
Tornando alla ricetta, si tratta fondamentalmente di declinare in 3 modi diversi i 4 ingredienti a disposizione per ottenere un antipasto kawaii come un bento giapponese ma saporito e sostanzioso come la cucina nostrana. La mancanza di stampi a forma di panda non deve scoraggiarvi, qualsiasi stampo va bene con un po’ di fantasia darà un effetto ugualmente scenografico. Curiosi di scoprire come? saltate il break!

panda-biscotti-parmigiano-papavero

Come prima cosa parliamo di ingredienti. Le dosi fornite permettono di realizzare molti più biscotti salati, bamboo e “massi al papavero” di quanti fotografati, ma per limiti di spazio ho dovuto selezionare.

Ingredienti Panda-Antipasto papavero e parmigiano (6 persone)

  • 1 rotolo pasta brisè pronta
  • 40g parmigiano reggiano stagionato 14 mesi (più forte coprirebbe il sapore dei semi di papavero)
  • 150g formaggio spalmabile fresco
  • 40g circa semi di papavero
  • acqua qb

panda-making-of

Come prima cosa tenete conto che per attaccare i semi di papavero alla pasta bisè vi basterà versarli in un piattino, spennellare la pasta brisè con un poco d’acqua e premere delicatamente la parte inumidita sui semi. poi potete tagliare a piacere.

Se non avete dei pandini potreste fare una stessa forma (un fiore, un semplice cerchio, un elegante quadrato) in versione bianca e nera per servirli poi con la crema al centro, stile “ringo”. Oppure potreste unire un biscotto salato più grande bianco ed uno più piccolo nero per un effetto moderno ed elegante. Il limite è solo la fantasia.
In ogni caso per unire le due parti basta poca crema di formaggio. Il resto servirà per le palline-massi.

biscotto-cuore-sesamo-parmigiano
Un’altra alternativa è allineare striscioline bianche e nere su altra pasta brisè inumidita, passare delicatamente il matterello per farle aderire e poi ritagliare a piacimento. Tenete conto che le strisce si allargheranno quindi fatele strette. io per esempio ho impiegato così buona parte dei ritagli.

Indicazioni di cottura per i Panda-biscotti papavero e parmigiano

Questa è la parte più spinosa di tutta la ricetta. io ho usato un fornetto piccolo e che scalda molto in fretta ma in generale il problema era non far gonfiare la pasta e non far brunire le parti bianche. La soluzione? Cuocere tutto fra due teglie.

In pratica ho fatto un “panino” alternano teglia di metallo – carta forno – biscottini salati in pasta brisè – carta forno – teglia di metallo.
In forno a 180° sono stati sufficienti 2:30 minuti di cottura a teglia tiepida (già stata in forno ma fatta raffreddare un po’) per i pezzi bianchi, 3:30 per biscotti al papavero. Questi tempi possono variare se la teglia è completamente fredda per cui vi consiglio di stare accanto al fornetto, controllare e se l’impasto è morbido, richiudere per altri 30 secondi. la distrazione è nemica letale di questi biscottini salati per cui rassegnatevi all’idea di dover divorare 4 teglie di scarti oppure di appostarvi pazientemente con il cronometro quando cuocete i pezzi bianchi.

making-of-bambù-parmigianoI “bambù” ovvero i tronchetti al parmigiano sono i pezzi più saporiti e semplici da fare della composizione del Panda-Antipasto papavero e parmigiano

Si tratta di una “falsa pasta sfoglia” ottenuta cospargendo di parmigiano reggiano a stagionatura 14 mesi la pasta brisè, ripiegandola, stendendola col mattarello e ripetendo l’operazione 3-4 volte. Potreste bagnare un po’ la superficie per aiutarvi a far aderire bene i vari strati. Alla fine non rimane che ritagliare le strisce e decorarle con delle incisioni orizzontali per poi infornare a 180° per 6 minuti circa (ma dipende dal vostro forno)

making-of--stone.-parmigiano

Ultimo ma non ultime le cheeseball al papavero. Per prepararle basta mescolare il formaggio spalmabile al parmigiano reggiano rimasto.  Una volta ottenuto un composto omogeneo (fatelo raffreddare 15 minuti in frigo se vi sembra troppo molle) ne staccate un cucchiaino per volta e lo fate cadere in una coppetta di semi di papavero ( io ho usato un piattino perchè non mi fidavo a trasferirli da lì alla coppa, ma la coppetta è più comoda). Fate rotolare queste palline irregolari con la punta delle dita fino a che non smettono di essere appiccicose, poi potrete modellarle e metterle di nuovo al fresco in attesa di servirle.
Con la dose di formaggio che vi ho fornito si possono fare una decina di palline da mangiare assieme ai biscotti salati. Per un party potreste anche disporle direttamente sui biscotti, magari dando loro una forma geometrica. A me servivano dei “massi” per il mio diorama e quindi ho preferito lasciarle quanto più irregolari mi era possibile.

panda-appetizer

A questo punto ci sono i biscotti salati, ci sono i tronchetti al parmigiano e ci sono le cheeseball parmigiano e papavero non rimane che disporli nel piatto nella maniera più artistica possibile e godersi le espressioni degli amici affamati.

panda-parmesan-appetizer-2

 Tips and Tricks per il Panda-Antipasto papavero e parmigiano

  • Usare una pasta brisè asciutta e sottile vi aiuta a non far deformare i pezzi in cottura (quella coop va benissimo). È bene evitare che si scaldi.
  • cuocere i biscotti salati decorativi fra due teglie e fra due fogli di carta forno li manterrà piatti ed eviterà che si dorino in superficie. In alternativa usare alluminio ed un peso
  • far intiepidire le teglie fra un’infornata e l’altra
  • far raffreddare in frigo le palline di formaggio ricoperte di semi di papavero permetterà di modellarle in forme regolari
  • se non avete tempo di preparare i biscotti salati potete coprire dei salatini con un velo di formaggio fresco e intingerli nei semi di papavero. Il sapore dei semi di papavero sarà un po’ meno intenso. Suggerimento estetico:  ricoprire solo metà salatini (in linea diagonale sono quadrati) e usarli direttamente come base di appoggio per le cheeseball

panda-snack
E questo è tutto gente! Spero che la mia ricetta per un Panda-Antipasto papavero e parmigiano vi sia piaciuta e soprattutto che troverete mille modi per riutilizzarla al di là delle mere formine perché è davvero semplice e saporita, ma soprattutto possibile da preparare con un giorno di anticipo lasciando all’ultimo solo l’assemblare le parti con il formaggio. L’unica cosa che secondo me è da cuocere all’ultimo sono i tronchetti di parmigiano, tutto il resto rimane perfetto anche dopo una giornata in frigo/in un contenitore ermetico.
Come sempre vi invito a scrivermi consigli, critiche, dubbi, qui o tramite la pagina fb di Sweet&Geek anche se la cosa che mi dà più soddisfazione è vedere le creazioni che i miei post vi hanno ispirato ^_^

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.