Tutorial Chocolate Pizza

Chocolate Pizza

Come si può creare una chocolate pizza? Che tipo di decorazioni si possono usare? E poi, perchè nel  nome della sanità mentale fare una pizza di cioccolato? Non avrebbe avuto più senso metterci un biscotto? E cosa vuol dire esattamente “temperare il cioccolato“^
Ecco le domande a cui questo post fornirà risposta.
Tutto è cominciato quando ho scoperto che qualcuno vendeva questi enormi cioccolatini decorati, fra l’altro anemmeno a buon mercato. Al che mi sono detta: perché non usarle come idea regalo?
Ho incontrato qualche difficoltà in più del previsto ma questo è il risultato e vi dirò, ne sono particolarmente soddisfatta (foto a parte… prima o poi farò un corso, giuro).
Siete curiosi di sapere come fare da voi la vostra chocolate pizza? Saltate il break

Chocolate pizza ciliegini e basilico

Per fare la chocolate pizza l’attrezzatura necessaria consiste in: una spatola di silicone e un tappetino di silicone per alimenti (potreste usare la carta forno, ungendo il forno perchè aderisca ad un piatto da pizza/teglia), meglio ancora se con segnati i cerchi di varia misura. Ultimo ma non ultimo occorre un termometro digitale per cibi e bevande: un spesa noiosa ma indispensabile e credetemi, ho resistito fino all’ultimo
Se poi avete un contenitore specifico per sciogliere il cioccolato ben venga, io ho usato le tazze da prima colazione.

Passiamo ora agli ingredienti per la vostra chocolate pizza, e, ve lo anticipo, la parte più divertente sarà cercare con cosa decorarla: cioccolatini, caramelle, marshmallow , cereali, frutta disidratata, lamelle di cocco, smarties. e  quanto la vostra fantasia possa suggerire.

holiday-chocolate pizza

Ingredienti Chocolate Pizza (27cm diamentro)

  • 250g cioccolato fondente (almeno 60%)
  • 30g cioccolato bianco in scaglie
  • decorazioni a piacere

Il cioccolato bianco può essere sostituito dal rapè di cocco o dalle scaglie tostate di cocco (sono buonissime).
A questo punto uno potrebbe pensare che basti fondere il cioccolato e basta ma così facendo rimane troppo morbido e difficile da maneggiare. Occorre quindi temperare il cioccolato.

Chocopizza-ingredienti

 

Non vi spaventate per il marasma di roba, questo è il materiale della Pizza di cioccolato natalizia che è stata anche la più ricca che ho realizzato. Io inoltre ho sempre un po’ di cose strane in giro per la cucina, ma sul serio vi verrà benissimo anche solo con le gommose prese all’autogill. Il punto focale è avere le decorazioni sotto mano quando si lavora perchè il tempo sarà poco.

Come temperare il cioccolato
tutorial-temperare-cioccolato
Non sono una pasticcera professionista per cui il tutorial che vi riporto viene dritto dritto dal libro “scuola di cucina” un libro estremamente tecnico (contiene ben 700 tecniche di cucina. tecniche, non ricette eh?) e chiaro.
Il principio è semplice: si scalda la cioccolata, magari mettendola in un contenitore bagnomaria in acqua a 90°,  fino a che non fonde in modo omogeneo intorno ai 45°. Io ho usato il forno a microonde con un paio di minuti a 350w, poi mescolare e ripetere operazione per altri 30 secondi. e così via. Ovviamente fare delle misurazioni col termometro digitale è indispensabile.
Dopo di che si sposta in recipiente in una coppa di acqua e ghiaccio fino a che non si raffredda fino ai 25°. Io non posso lavorare con acqua vicino senza rischiare di annegare il mio cioccolato per cui l’ho cacciato fuori dalla finestra, sfidando una polmonite per uscire a mescolarlo ogni tot.
Alcuni a quanto mi risulta usano un piano di marmo, io ho atteso.
A questo punto si riscalda nuovamente il cioccolato fino a 32° mescolandolo per renderlo ben omogeneo. (se lo scaldate a 34° non ditelo a nessuno e fate finta di nulla, andando molto oltre… potrebbe toccarvi di ripetere l’operazione)

Chocopizza-preparazioneBene avete eseguito il temperaggio del cioccolato e ora potete (e dovete) usarlo, e di corsa anche!
A seconda delle condizioni di casa, del tipo di cioccolato etc potreste avere meno di 5 minuti a disposizione prima che si raffreddi e quindi le decorazioni non attacchino.

Stendete quindi il tappetino di silicone (o il foglio di carta forno) su un supporto facilmente gestibile. Io ho usato una teglia circolare messa a rovescio così da non avere pieghe.
Rovesciate metà del cioccolato sul tappetino di silicole e spalmate rapidamente cercando di creare con a spatola di silicone fino alla dimensione finale (27cm di diametro circa)  Dopo di che ( il cioccolato sarà leggermente più denso essendosi raffreddato) aggiungete il resto, un po’ per volta aiutandovi con la spatola per avere dei bordi leggermente più alti del fondo. Dovreste avere una pizza di un paio di millimetro di spessore e ancora “fusa” in superficie quindi sotto con le decorazioni!

pepperonichocopizza
Per prima cosa versate il cioccolato bianco (o il cocco) e poi premete leggermente il resto per farlo aderire.
Calcolate che alcune cose rendono il taglio difficile (le caramelle gommose, gli zuccherini) per cui distribuiteli sul bordo e/o calcolando zone di taglio per le vostre fette. Siate veloci e se si è già solidificato prima che attacchiate l’ultima, fondamentale marshmallow tutto scaldate il contenitore del cioccolato usando la rimanenze come “colla” cercando di non sporcare troppo i bordi.
Il mio consiglio è di provare la decorazione su un piatto vuoto in modo da procedere spediti avendo già il necessario sotto mano. Non pensate di poter ritagliare qualcosa all’ultimo perché difficilmente funzionerà. Io ci ho provato tre volte.

marshmallow-chocopizza

Con questo il tutorial chocolate pizza è quasi finito. Non vi resta che mettere la chocolate pizza a raffreddare.
Se la temperatura esterna è abbastanza bassa, spostatela sul balcone con una copertura per evitare polvere e insetti. Altrimenti…. 1 minuto di freezer e poi 5 minuti di frigorifero (ma avete abbastanza spazio pianeggiante?)

Più tempo ci mette a solidificare più i bordi si “appiattiranno”, ma se non è quello che vi preoccupa potrete anche lasciarla a temperatura ambiente.
Una volta ben solida potrete spostarla in uno scatolo per pizza da asporto (sorprenderete tutti i vostri amici ve lo assicuro!) o sul piatto di portata.

Una decorazione alterativa può essere ghiacciare ben bene la pizza, fondere il cioccolato bianco e colarlo per avere un effetto “mozzarella fusa” più uniforme, usando lui per fissare le decorazioni.

chocopizza-toffee-roche

 

La fase del distacco è abbastanza delicata ma se avete lavorato bene il tappetino si staccherà come la carta da una figurina.
Io ne ho preparate 5 di fila e come potete notare la mia pizza ferrero-rocher e caramelle mou ha avuto qualche incidente (era ancora un po’ flessibile quando l’ho staccata). Maledetta fretta.
Bisogna dire che era così golosa che nessuno se ne è dato pena.

fruit---chocopizza

Questa secondo me non è solo la chocolate pizza più salutare, ma anche la più golosa di tutte. Il “formaggio” è fatto con scaglie di cocco tostato (lo adoro!), i peperoni sono realizzati con arancia disidratata e pomelo disidratato (un altro agrume).
Ultimamente vedo che la frutta disidratata  si può trovare in alcuni negozi bio, in alcune bancarelle da fiera (l’ho vista anche alla fiera di San Giovanni a Cesena, giuro!) da eataly (carissima) o negozi specializzati. Io come sempre vado da Lella Saggese e le storie della frutta secca anche perché ha la pazienza di scegliermi i pezzi della forma giusta per le mie creazioni, e non è poco. In alternativa potete sempre usare dei canditi o sperimentare nuove e più ardite combinazioni. In fondo io mi sono tenuta sul classico.

Bene il Tutorial Chocolate Pizza è finito, spero vi sia piaciuto e che vi possa essere di ispirazione per idee regalo golose, facili da fare e , diciamocelo, anche economiche. E riuscire a stupire qualcuno (positivamente) senza svenarsi non certo un male.
Immaginatevi di presentarvi dal vostr* lui/lei a San Valentino con… una scatola per pizza  o di incartare accuratamente un paio di scatole per pizza ripiene di pizza di cioccolato e usale come regalo di compleanno. Voi che faccia fareste scartandole?

Io le ho usate come regalo di carnevale per i miei giocatori, lasciando che i dadi decidessero l’assegnazione dei vari gusti e la loro espressione perplessa nel vedersi la pila di scatole per pizza sul tavolo (mentre stavo ancora telefonando per la cosnegna a domicilio) è stata molto divertente.

Come sempre per dubbi, curiosità, suggerimenti e per condividere la vostra chocolate pizza con noi potete scrivermi nei commenti sulla pagina fb di Sweet&Geek

 

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.