Torta Claptrap – da Borderlands 2

claptrap01
Una torta Claptrap. Come mi è venuto in mente di fare una torta dedicata a Claptrap, o per meglio dire CL4P-TP General Purpose Robots.
I fattori che hanno portato a questa scelta sono stati due:
a) un festeggiato che mi ha parlato molto, molto a lungo di quanto odioso fosse il robottino di Borderlands 2
b) un fallimento critico in “valuta impegno e difficoltà”.

Ma partendo dall’inizio… I claptrap sono piccoli, teneri robottini tuttofare, a quanto pare con la personalità vagamente megalomane ed il tono petulante che porta i giocatori a desiderare di poter ammazzare a loro guida robotica. Ed una torta CL4P-TP si può accoltellare, a differenza dell’originale ^_-

Anche se prima del festeggiato stesso sono poi arrivati gli invitati. Appena ho spiegato che “è tutto commestibile” sono partiti a smontare un braccio e gli sportelli del robot, divorandoli prima ancora che fosse tagliata la prima fetta. Ma sono dettagli ^^”

Se siete curiosi di vedere i dettagli e saperne qualcosa di più saltate il break 😀 A breve conto anche di riuscire a montare il making of con i consigli per realizzare la vostra torta claptrap (il primo consiglio è : non fatelo, salvatevi!!!!)

 

borderlands-claptrap_00399325

Vi presento l’originale, questa innocente scatoletta parlante che è stata fonte dei miei incubi per diversi giorni.
Come dicevo infatti, questa è la torta delle ultime parole famose:

  • oh che bella idea che ho avuto, il claptrap è facile da fare.. *semplice* squadrato… con dozzine di particolari, l’attacco della ruota che risulta in piena vista e pochissime immagini che non siano frontali in giro per la rete =_=
  •  siccome ci sarà un’altra torta questa volta la farò piccola. Pesava a occhio e croce sui 7 kg (valutazione eseguita da robusti giovanotti che l’hanno portata in braccio)
  • beh è piccola, prendo mezzo kg di pasta di zucchero gialla e un altro mezzo kg bianca perché non si sa mai….. e poi la mattina della festa:*panico panico* devo ancora montare tutto e mi tocca fiondarmi fuori a comprare e altra per fare le parti nere (e optare per il cioccolato sugli sportelli)
  •  beh signora, me lo dia bianco il vassoio, fa nulla che ci sono quei rialzi laterali che di solito evito come la peste *tanto questa volta è piccola*.

Certo. poi le braccia non entravano in nessuna delle posizioni buffe precedentemente previste e soprattutto la torta era così piccola che *non entrava nel frigorifero del festeggiato*….

TORTAclaptrap02

Ma partiamo dalla parte interessante: ciò che si mangia.
Tutto enlla torta claptrap è commestibile (fatta eccezione per qualche stuzzicadenti)
Per la scelta della torta si è seguito un principio abbastanza semplice: il cioccolato è una cosa buona e giusta.
La torta per tutti gli usi è al cioccolato ed il cioccolato si intona benissimo con il cioccolato, per quanto poi il cioccolato faccia sempre la sua bella figura accostato al cioccolato. Non trovate?

TORTAclaptrap05

Per cui abbiamo circa 14 cm di torta al cioccolato (una torta e mezza) intervallata da due strati di bavarese al sapore di nutella  impreziosita da gocce di cioccolato e inumidita da bagna al rum e. Il rices krispies treat di arti e ruota era lavorato con la nutella e giusto i biscotti erano, per praticità di realizzazione, fatti con la base miele e vaniglia (ma gli sportelli sono stati ricoperti di cioccolato tanto per recuperare un po’)
I “vetri” sono appunto biscotti con al centro del caramello colorato.

TORTAclaptrap04

TORTAclaptrap03

Come dicevo, avendo reputato “facile” il resto della torta sono partita in anticipo con dettagli come “i vetri”.

L’obiettivo che è poi l’unico “occhio” del robottino è coronato da una lente di caramella colorata contornata da un biscotto rivestito in pasta di zucchero (ecco perché è leggermente meno squadrato del supporto) La lucentezza è stata aumentata con una punta di colorante perlato perché, anche se sono l’una e mezza di notte e la sveglia è puntata alle otto per iniziare a farcire il dolce, io ai dettagli non so resistere.

Certo poi quando all’ultimo ci si trova a interrogarsi su come far reggere e soprattutto rivestire i “4 piedini inferiori” si benedice il fatto che il claptrap  sia sporco e malmesso anche nella versione originale e quindi non serve lavorare di fino con le sfumature ^^”

Questo è tutto, spero che la mia creatura vi sia piaciuta (fortunatamente al festeggiato è piaciuta assai, soprattutto da mangiare) ed a  breve conto di poter pubblicare il making of (appena riesco a recuperare un po’ di sonno arretrato magari)
Se nel frattempo voleste dedicarvi a una torta calptrap o qualcosa di simile, voleste chiarimento, spiegazioni o suggerimenti, non esitate a scrivermi.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.