Torta Schiaparelli nocciole e ricotta

Torta Schiparelli ricotta e nocciole

A volte parto a fare dolci ispirata da un’idea,da un progetto o magari da qualcosa che ho visto sul web e voglio ricreare. Nel caso della Torta Schiaparelli invece ho trovato e ritoccato una ricetta che è diventata immediatamente uno dei miei cavalli di battaglia accanto al magma cioccolatoso. Si tratta di una torta nocciole e ricotta tratta dall’insostituibile l’enciclopedia delle torte che è veloce da fare, facile da fare,  è pratica come una crostata ma non richiede l’uso del mattarello (confesso, lo odio, non l so usare bene per tirare una frolla regolare, in più ho le mani molto calde e lavorarla viene puntualmente un pasticcio). In più la torta ricotte e nocciole ha un aspetto rustico ed un sapore che fa pensare all’autunno ed al primo fuoco nel camino, quindi adatta anche al gioco di ruolo dal vivo e infine è un “dolce poco dolce” e quel poco di zucchero che contiene è zucchero integrale di canna.
Prossimamente sperimenterò anche la versione con farina di riso per amici celiaci ma sono ragionevolmente convinta del fatto che sia adattabile a tutti i tipi di farina. Dopo tanti pregi però aveva un difetto: non sapevo come presentarla nel blog.
Ho chiesto a voi che mi seguite di darmi un’idea e tutti hanno associato questa superficie brulla con del suolo alieno (o alla tana di un drago)
Chi ha proposto star wars, chi Dune, alla fine Paola Perin ha lanciato l’idea: e se la dedicassimo allo Schiaparelli, la sfortunata sonda precipitata su Marte a causa (pare) di un computer di bordo dalle idee confuse?
E così è nata la torta Schiaparelli ricotta e nocciole, e dato che sono nella fase “riduciamo la pasta di zucchero” la sonda accartocciata è stata realizzata con… curiosi di capirlo? Saltate il break e scaldate il forno, si parte!

schiaparelli-cake-ingredienti

Ingredienti Impasto della Torta nocciole e ricotta (diametro 22cm)

  • 300g farina
  • 70g nocciole tostate tritate
  • 70g di zucchero mascobado (o zucchero di canna)
  • 120g di burro ammorbidito
  • 2 cucchiaini e 1/2 di lievito
  • 1 pizzico di sale
  • 1/2 cucchiaio di estratto di bacca di vaniglia (opzionale)

Ingredienti farcitura della Torta nocciole e ricotta

  • 400g di ricotta
  • 70g di nocciole tostate tritate
  • 80-100g di zucchero mascobado (o zucchero di canna)
  • 3 fichi secchi tritati (50g circa)
  • 1 pizzico di sale
  • 2 cucchiai di latte (se la ricotta è molto asciutta)

Ingredienti  Schiaparelli di cioccolato

  • 50g di cioccolato fondente
  • 4 nocciole
  • frutta secca a piacere (cubetti di cocco e uvetta/ cubetti di arancia candita etc…)
  • colorante alimentare in polvere argento, nero + vodka/grappa/alcool puro
  • 1 cucchiaino di cacao in polvere per decorare

Cottura in forno preriscaldato 180° per 30-45 minuti

schiaparelli-nocciole

Vi consiglio di tritare voi le nocciole tostate  perché hanno un sapore molto più intenso della granella di nocciole pronta Se non avete il minipimer o il frullatore potete sbriciolarle col pestello o con il metodo sacchetto+ bottiglia visto che non occorre una granella molto fine, anzi per la farcitura di nocciole e ricotta se vi vengono un po’ grossolane è anche meglio.

schiaparelli-cake-impasto

Mescolate assieme il secco (farina, nocciole, lievito, zucchero integrale e sale) dopo di che aggiungete il burro a pezzetti, l’uovo intero, l’aroma se c’è e impastate rapidamente con l’aiuto di un drago (se presente) o con una forchetta o anche a mano. Dovreste avere un composto sbriciolato formato da pezzi abbastanza regolare e qualche minuteria.
Tips &Triks: se avete fretta e il burro freddo di frigo o congelato potete scaldarlo sul fuoco o nel forno a microonde. Il dolce  verrà bene lo stesso anche con il burro fuso ma dovrete aiutare voi la pasta a “sbriciolarsi” in tanti pezzetti  e bucherellare un po’ la base perché tenderà più alla “frolla” tradizionale. (vedi foto a piè di pagina)

Mettete da parte e in un’alta coppa ricotta, nocciole tritate, zucchero, fichi tritati (io li trito assieme alle nocciole per comodità) e il pizzico di sale e mescolate assieme. Fatto? Bene ora smettete di mangiarlo anche se il profumo è irresistibile, basta un piccolo assaggio per capirese ci volete 80g o 100 di zucchero 😛
Tips &Triks: se non avete fichi secchi potete usare dei datteri secchi. Se non avete nemmeno quelli io proverei con delle albicocche e un cucchiaino di miele. I fichi secchi infatti non si sentono di per sè ma contribuiscono all’aroma “caldo” del dolce conferendo una dolcezza molto naturale che ricorda, vagamente, quella del miele. Insomma è un dolcificante molto più funzionale (e salutare) del semplice zucchero, provare per credere.

schiaparelli-cake-makingof

Stendete metà dell’impasto di farina e nocciole sul fondo della teglia a cerniera precedentemente imburrata e infarinata (io uso il distaccante) e livellate con un drago cucchiaio senza pigiare troppo l’impasto (lieviterà riempiendo i buchi quindi non serve essere troppo precisi) quindi spalmate la farcitura ricotta e nocciole (tenendo a bada Caramel e tutti gli assaggiatori indesiderati) dopo di che coprite distribuendo l’impasto sbriciolato in modo abbastanza uniforme ma senza schiacciarlo. Lievitando i pezzetti di impasto daranno il caratteristico aspetto irregolare alla torta Schiaparelli nocciole e ricotta.Fate cuocere in forno preriscaldato a 180° per 30 minuti, dopo di che se la volete più umida e la pasta vi sembra uniformemente dorata spegnete il forno, lasciate raffreddare per 10 minuti a sportello aperto e quindi fuori dal forno.
Se la pasta vi pare dorata ma non troppo o vi piacciono i dolci più asciutti lasciate in forno ancora 10-15 minuti (se vi sembra molto dorata coprite con un foglio di alluminio). Il mio forno esige 35 minuti massimi di cottura ad esempio.

schiaparelli-chocolate

Intanto che aspettate che il dolce si raffreddi  sciogliete il cioccolato nel forno a microonde (se avete pazienza fate il temperaggio del cioccolato come spiegato nel tutorial della chocolate pizza, altrimenti fate come me e rassegnatevi a maneggiare lo Schiaparelli con coltello e pinza per non trovarvi le mani imbrattate di cioccolato ^_-).
Versate poco più di metà del cioccolato fuso in un pirottino (di silicone o normale) dopo di che decoratelo ricostruendo i volumi della sonda schiaparelli (tenendo conto che non è proprio uguale a quando è partita…) dopo di che spennellate o versate con moolta cura il cioccolato fuso (ben liquido mi raccomando) sulla frutta secca, rimuovete l’eccesso con un cucchiaino (altrimenti si appiattisce) e mettete in frigo per 10 minuti.

schiaparelli-chocolate-2
Una volta che il cioccolato è ben freddo sformate lo schiaparelli di cioccolato eintingete nell’alcool/vodka/grappa (slivovitz nel mio caso) il pennello per diluire i due coloranti argento e nero mescolandoli per ottenere le sfumature, scurire le parti più “profonde” e lumeggiare quelle più in alto (se non sapete dipingere coi coloranti metallici potete usare questo tutorial). Visto che la base è scura dovrebbe bastarvi una sola passata più qualche rifinitura.

schiaparelli-cake-05

Ultimo ma non ultimo “scavate” un punto della torta ormai fredda e sottolineate il cratere con un po’ di polvere di cacao passata a pennello.
Potete anche decorare con qualche pennellata di colore metallizzato delle parti della copertura per ricreare i rottami della sonda schiaparelli.

schiaparelli-cake-01

Non vi resta che aggiungere il vostro schiaparelli di cioccolato (muovetelo con un coltello o una spatola se non volete trovarvi le dita argentate mi raccomando) e Marte è servito.

Non è adorabile?
Sarà che la torta schiaparelli nocciole e ricotta non faccio in tempo a prepararla che già finisce (In 3, con 2 ospiti a pranzo, si è volatilizzata nel giro di 24h… altro che X-files e fenomeni inspiegabili, io non riesco a mangiarmene più di 2 fette che mi ritrovo con il vassoio vuoto!)

schiaparelli-cake-03

Adesso vi faccio ridere: quando stavo preparando i lapilli bombons ho sperimentato per a prima volta la torta nocciole e ricotta nella sua versione da ricettario. (quindi zon zucchero bianco all’interno, 40g di nocciole in meno e senza vaniglia)
Dopo averla fatta con tanto amore la metto a bagnomaria a raffreddare, poi mi distraggo con bombons, torno al lavandino, lo apro per sciacquare il cioccolato dalle dita, inondo la torta senza accorgermene, finisco i dolcetti, torno indietro e la vedo mezza annegata.
Momento di dolore e disperazione… alla fine persa per persa la lancio in forno (iniziava ad essere tardi) corro a prepararmi, la estraggo ancora umida sotto, la rigiro, la inondo di rum (se non puoi combatterli unisciti a loro) e la porto lo stesso.
Perfino così, con la crosta ammorbidita, era buonissima e ce ne siamo sbafati la metà in 3. Senza l’acqua comunque è molto meglio.
schiaparelli-cake-04

Bene questo è tutto amici, spero che sperimenterete presto la Torta nocciole e ricotta, con questa decorazione o adattandola come scenario a ciò che la fantasia vi suggerisce. Come sempre per commenti, domande e per pubblicare le foto dell vostra versione scrivete qui o meglio ancora sulla pagina facebook di sweet&geek!

tortarusticanocciole

 

N.B
Questa è al versione fatta con il burro fuso, se vedete i pezzi della copertura sono più regolari e tondeggianti ma per il resto il risultato è analogo.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.