Army cheesecake la cheesecake al melone!

army-cheesecake01B

Army cheesecake è la risposta alla  mia ricerca per una torta in stile militare e l’impiego dell’eccezionale melone verde disidratato (sempre preso da Lella Saggese-la storia della frutta secca) in campo dolciario.
Il mio intento era quello di accontentare una richiesta di cheesecake sposandola con il tema militare.
La ricetta da cui ho preso ispirazione, rimaneggiandola, è quella della sempre ottima e gentilissima mora romagnola ed il risultato è stato all’altezza delle aspettative.
E’ un dolce molto facile da realizzare, dal sapore delicato e per niente stucchevole ma è anche leggermente asciutto se preparato in queste dosi. Per questo io suggerisco di raddoppiarle, a parità di diametro della tortiera, e di consumarlo a temperatura ambiente.

Per la ricetta della army cheesecake saltate il break

army-cheesecake-ingredienti

Ingredienti della Army cheesecake
base
(stampo da 25 cm diametro)

  • 200g biscotti secchi (tipo oro saiwa)
  • 100g burro a temperatura ambiente

per la torta (consiglio di raddoppiare le dosi)

  • 200g formaggio fresco (meglio se tipo robiola o philadelphia)
  • 100g panna fresca
  • 3 uova separate
  • 1 cucchiaino estratto di vaniglia naturale (o mezza fialetta di aroma)
  • 1 cucchiaio succo di limone
  • 3 cucchiai di farina
  • 1 cucchiaio abbondante di zucchero
  • 150gr melone verde disidratato
  • un pizzico di sale
  • coloranti alimentari giallo e verde

cottura in forno già caldo. 180° per circa 30 minuti

Siccome la frutta disidratata non è semplice da trovare potete sostituirlo  a piacere con del lime candito, del cedro o al limite con la scorza di un agrume a piacere. Io vi consiglio di non scegliere un gusto in contrasto con il colore finale, limitandovi a limone-lime-cedro. Se non usate frutta “dolce” incrementate la dose di zucchero di almeno 2 cucchiai.
Personalmente vi consiglio di cercare il melone verde disidratato perché è una delle cose più buone (e non dannose per la salute) che mi siano capitate a tiro. Chi l’ha assaggiato mi ha detto che “sa di gelato al melone”e questo senza zuccheri che non appartenessero al frutto originale.

army-cheesecake02

Dopo aver unto leggermente la teglia (vi consiglio uno stampo apribile oppure , meglio ancora, uno stampo regolabile per dolci) basta lavorare i biscotti sbriciolati (con un frullatore  o il vecchio sistema del sacchetto alimentare e del matterello) con il burro e stenderli nello stampo compattandoli fino ad aver euno strato uniforme.
Poi si mettono formaggi, panna, farina zucchero, tuorli, limone aroma e melone in una ciotola e si frulla ben bene con il frullatore a immersione fino a che del melone non rimane traccia.
army-cheesecake03

A parte si montano gli albumi con il pizzico di sale e quando sono a neve ben ferma si aggiungono al composto a base di formaggio mescolando sommariamente dal basso verso l’alto.
A questo punto potete dividere il composto in 3 ciotole (non fa nulla se l’albume non è perfettamente amalgamato) ed aggiungere i coloranti fino ad avere tre tonalità adeguate alla vostra idea di “vegetato” o di mimetica che dir si voglia.
Io ho usato una punta di giallo limone nella prima coppa, una di verde foglia ed una dose un po’ più generosa di verde muschio per l’ultima. Nulla vieta di andare su toni più caldi di base ma c’è da considerare che la presenza del tuorlo dell’uomo modifica giù un po’ il colore in quel senso.

army-cheesecake04

Una volta mescolato bene l’impasto (partendo dal più chiaro verso il più scuro) non c’è che da aggiungerlo a cucchiaiate abbondanti in modo che formi macchie sovrapposte , muovere un po’ la teglia per eliminare bolle d’aria e poi infornare.

army-cheesecake05

Consiglio di on fidarsi del timer, la torta andrebbe tolta dal forno quando inizia a dorarsi. in questo caso c’è stata un pochino troppo perché qualcuno a caso s’era distratto, tornando in cucina attirato solo dal trillo del segnatempo. Dopo questa esperienza consiglio di andare a controllarla dopo 20 minuti e poi trattenersi nei paraggi.
Prova stecchino come una normale torta per vedere se è cotta.

army-cheesecake06

Una volta freddo occorre “scortecciare” lo strato superiore con un coltello molto affilato (nel mio caso un coltello di ceramica) et voilà ecco la Army cheesecake nel suo caratteristico effetto da mimetica verde.

Che ve ne pare? L’idea di base era di farlo più alto (questa essendo una prova era a dosi ridotte) e di contornarlo con una palizzata di biscotti tipo togo, usando un po’ di crema di burro per incollarli,
Un modo sicuramente più genuino della pasta di zucchero per avere una base colorata e che mi sento di consigliare soprattutto per le feste di bambini e per tutti coloro i quali non amano i dolci troppo dolci.
Il sapore di questa cheesecake al melone infatti è delicato e morbido oltre che fresco. Io personalmente la adoro.

Come sempre per domande, commenti e quant’altro potete scrivermi qui o sulla pagina fb di Sweet&Geek e se realizzate questa torta inviatemi le foto, sarò felicissima di pubblicarle!

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.