Tartine Corrifuliggine – il mio vicino Totoro

Tartine Corrifuliggine

Le tartine Corrifuliggine sono ispirate ai personaggi più teneri del film d’animazione “Il mio Vicino Totoro“. I nerini del buio o “corrifuliggine” (makkurokurosuke o susuwatari nella versione) sono spiritelli della fuliggine che occupano le vecchie case abbandonate e che, un po’ come le fate nostrane, possono essere visti solo dai bambini. 

Al di là della mia abilità di non azzeccare manco una messa a fuoco delle mie foto, sono un geek antipasto tenerissimo, molto goloso e alla portata di chiunque abbia il pollice opponibile e un po’ di pazienza. E’ adatto anche ai vegetariani, è facilmente adattabile ai celiaci (basta comprare dei salatini senza glutine) e non richiede l’uso di alcun elettrodomestico. Inoltre Non ci credete? Saltate il break per scoprire come prepararlo voi stessi!

 Ingredienti Tartine Corrifuliggine (12 pezzi)

  • 125g formaggio spalmabile (tipo philadelphia)
  • 80g formaggio caprì (non è di capra è solo leggermente acidulo)
  • 15g parmigiano grattugiato
  • 1 cucchiaino brandy (cognac)
  • 50g sesamo nero
  • 1-2 sottilette
  • olive nere
  • Salatini (tipo tuc – ritz)

Gli ingredienti delle tartine corrifuliggine potrebbero ricordarvi quelli delle cheese ball che ho recensito come antipasti per halloween… ebbene avete ragione. La base è proprio quella visto che la trovo deliziosa, versatile e molto molto veloce da realizzare senza contare che ora esistono anche formaggi spalmabili privi di lattosio.
Non occorre far altro che mescolare i formaggi assieme, aggiungendo il cucchiaino di brandy per esaltarne i sapori. Se volete potete provare anche ad aggiungere 10g di gorgonzola dolce. Il sapore non coprirà gli altri ma anzi li esalterà.

tartine-palline-fuliggine - come farle
Una volta ottenuta la crema di formaggio con l’ausilio di un cucchiaino si fanno delle simil palline (saranno appiccicose, vi avviso) facendole rotolare nel sesamo nero e poi piazzandole all’estremità del salatino.
Una volta terminata l’operazione (curate di tenervi da parte un cucchiaino di crema di formaggio) potete metterle a riposare in frigo. Una volta che le future Tartine Corrifuliggine saranno fredde risulterà più facile sistemare la forma e aggiungere i dettagli.

Intanto con una cannuccia bisogna ricavare dalle olive nere le pupille (basta soffiarle fuori dopo ritagliate) per ritagliare gli occhietti dalle sottilette invece serve un piccolo coppapasta o una cannuccia bella grande.
Una volta ottenuti i nostri pezzi basta premere delicatamente il pezzetto di oliva nel formaggio et voilà il gioco è fatto.

Accertatevi che le palline coperte di sesamo abbiano fatto presa sul salatino (probabilmente non sarà avvenuto) e aggiungete un pochino di formaggio sotto quelle instabili. Aggiungete un velo di formaggio dietro gli occhietti per attaccarli ed ecco, il vostro geek antipasto teneroso è pronto!

Tartina corrifuliggine pronta a esser mangiata

Non vi resta che servirlo in tavola e godervi l’espressione dei commensali. Personalmente consiglio di usare salatini lunghi in modo da poter usare un pezzo per schiacciare il nerino del buio, godervi la sua comicissima espressione e poi gustarlo. In alternativa suggerite agli ospiti di chiuderlo fra due salatini rotondi altrimenti il sapore rischia di essere troppo concentrato in un punto lasciando la tartina molto vuota.

tartine nerini del buio

Ok tralasciando la luce in queste foto vi posso assicurare che il risultato delle tartine corrifuliggine è incredibilmente buono e il loro aspetto tenero le farà amare anche dai meno nerd. Vi consiglio solo di tenere conto che i salatini che vi ho suggerito hanno un fondo leggermente dolce-salato e non è un caso perchp il sesamo nero ha un fondo leggermente amarognolo che si sposa alla perfezione con esso.

Questo è tutto, spero che i miei susuwatari formaggiosi vi siano piaciuti e che vi possano essere d’ispirazione per le vostre creazioni. Come sempre per commenti, suggerimenti, domande o anche per condividere con noi le vostre foto scrivete pure qui o sulla pagina fb di Sweet&Geek!

 

Comments

4 thoughts on “Tartine Corrifuliggine – il mio vicino Totoro

    • Yep 🙂 felice che ti piacciano 🙂
      E posso assicurare, sono anche buoni.
      Ho sperimentato varianti con semi di papavero (buoni ma preferisco il sesamo) e granella di pistacchio (ok poi si perde l’effetto corrifuliggine, ma sono buonissimi!)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.